Tag: ricarica domestica auto elettrica

Cavo ricarica Tipo 2 Schuko

Cavo ricarica Tipo 2 Schuko: se hai l’auto elettrica ti serve!

Cavo ricarica Tipo 2 Schuko per auto elettrica: perché serve? Si tratta di un cavo domestico opzionale, non fornito in dotazione, ma assolutamente necessario e in questo breve articolo ne scopriremo i motivi. Cavo per la ricarica domestica Tipo 2 Schuko Questo cavo specifico, denominato “cavo ricarica Modo 2 / Tipo 2“, oppure “cavo Tipo 2 Schuko” , si collega alla presa tradizionale. In questo modo, quindi, è possibile ricaricare l’auto elettrica a casa, per l’appunto, tramite presa domestica, senza necessità di adoperare alcuna Wallbox o colonnina. I vantaggi nel poter ricaricare l’auto elettrica ovunque sono, chiaramente, innumerevoli. Innanzi tutto è necessario pensare ai vari scenari che possono presentarsi davanti, per esempio potrebbe essere necessario ricaricare l’auto elettrica in una situazione d’emergenza. Anche laddove si possieda una Wallbox, infatti, potrebbero presentarsi malfunzionamenti. Oppure, specialmente in caso di intemperie, potrebbero verificarsi blackout elettrici momentanei. Nei casi sopra citati è fondamentale poter adoperare una qualsiasi presa domestica per caricare l’auto elettrica. Per esempio, anche in caso di assenza di corrente presso il proprio domicilio, è sempre possibile agganciarsi ad una presa elettrica gentilmente offerta da un vicino, un familiare, o un amico. In questo modo si può ottenere quel tanto che basta di autonomia, per raggiungere la più vicina stazione di ricarica pubblica. Il cavo ricarica Tipo 2 Schuko non è solo indispensabile per fronteggiare le emergenze, ma è un valido alleato anche durante i viaggi e gli spostamenti più lunghi. Ricarica domestica auto elettrica: è la scelta più economica! La ricarica più ottimizzata in assoluto, a livello di costi e tempi, è quella che avviene tramite Wallbox domestica, o colonnina di ricarica residenziale. Subito dopo, la più economica è la ricarica tramite presa domestica, che è più lunga in termini di tempi, ma che permette di risparmiare rispetto alle stazioni di ricarica pubbliche. Tuttavia, è opportuno chiarire che, alla lunga, il sistema elettrico potrebbe stressarsi notevolmente e che, nel caso si adoperino cavi ricarica di media e bassa qualità, la presa elettrica potrebbe surriscaldarsi di molto, andando a causare vari problemi di sicurezza. Per questo motivo è indispensabile:– scegliere un cavo di alta qualità, dotato di classi di protezione;– adoperare il cavo Modo 2 / Tipo 2 Schuko solo per ottenere l’autonomia necessaria a raggiungere una stazione di ricarica pubblica;– considerare l’installazione di una Wallbox per risparmiare sui costi, ma dotarsi di un cavo Modo 2 / Tipo 2 per presa domestica, per poter fronteggiare qualsiasi necessità. Il miglior cavo per la ricarica domestica è prodotto da Mennekes, la multinazionale tedesca che detta gli standard di sicurezza e qualità del mercato globale. Link per l’acquisto del cavo Modo 2 / Tipo 2 Schuko:Cavo Mennekes per Presa Domestica [Modo 2 / Tipo 2] – Spina Schuko – Liscio

Leggi Tutto »

Come ricaricare l’auto elettrica a casa? Tutto ciò che devi sapere

Come ricaricare l’auto elettrica a casa nel modo corretto? Quali sono le opzioni? Queste sono le domande che si pone chi si affaccia alla mobilità elettrica per la prima volta e sono più che lecite. Infatti, nelle numerose guide che si possono trovare online, spesso manca la semplificazione dei concetti. In questo contesto, proponiamo invece una guida alla ricarica domestica dell’auto elettrica semplice e immediata, semplificata al massimo, ma che contiene tutti i concetti chiave. Come ricaricare l’auto elettrica a casa: ecco le 2 opzioni Per ricaricare l’auto elettrica a domicilio esistono due opzioni:– la prima opzione è collegarla ad una Wallbox residenziale oppure a una colonnina di ricarica domestica;– la seconda opzione è collegarla ad una presa domestica tradizionale. Riguardo a queste due possibilità è opportuno chiarire alcuni punti fondamentali, che consentiranno di scegliere la modalità più corretta per le proprie esigenze:– tramite Wallbox domestica o colonnina di ricarica residenziale avviene la ricarica più ottimizzata in termini di costi e tempistiche;– collegare l’auto elettrica alla presa domestica significa un dispendio energetico più significativo, tuttavia, è una opzione da considerare in caso di emergenza, laddove non vi siano a disposizione Wallbox o colonnine. Ricarica domestica dell’auto elettrica tramite Wallbox o Colonnina Installare una Wallbox o colonnina di ricarica domestica consente di risparmiare sui costi di ricarica dell’auto elettrica e di ottimizzare le tempistiche. E’ la metodologia più indicata per la ricarica completa. Wallbox o colonnina possono essere di tipo monofase, oppure trifase. Per collegarsi a entrambe, andando sul sicuro, si consiglia il Cavo Modo 3 / Tipo 2 trifase. Quest’ultimo è infatti collegabile sia a sorgenti di ricarica trifase, che monofase. Invece, il Cavo Modo 3 / Tipo 2 monofase, è leggermente più economico, ma può collegarsi solamente a Wallbox e colonnine di tipo monofase. E’ da tenere in considerazione che, presso le stazioni di ricarica pubbliche, sono generalmente installate colonnine trifase. Per questo motivo, il Cavo Modo 3 / Tipo 2 trifase risulta essere il più versatile, poiché adoperabile sia in ambito domestico, che presso le stazioni pubbliche. Per sfruttare al massimo le potenzialità della ricarica elettrica, per ottimizzare le performance di ricarica e per preservare la batteria dell’automobile, è indispensabile adoperare un cavo ricarica di massima qualità. A tal proposito, i migliori cavi Modo 3 sono prodotti da Mennekes, leader indiscusso del mercato. Ecco come collegare l’auto elettrica alla presa domestica In caso di necessità, laddove non vi siano a disposizione Wallbox o colonnine, è possibile collegare l’auto elettrica alla presa domestica. Per farlo, si adopera il Cavo Modo 2 / Tipo 2, che si attacca alla presa tradizionale di tipo Schuko, presente in ogni abitazione moderna (qui a lato un’immagine della presa Schuko). Questo tipo di ricarica, come già anticipato, dovrebbe avvenire solo in caso di emergenza, poiché si tratta di una ricarica lenta e lo sforzo energetico è significativo e il tutto, chiaramente, influisce anche sui costi di ricarica. Proprio per evitare di stressare l’impianto elettrico, è opportuno assicurarsi la massima qualità del cavo per la ricarica domestica dell’auto elettrica. Il miglior cavo Modo 2 / Tipo 2 è prodotto da Mennekes, l’azienda che fin dagli esordi della mobilità elettrica, ha dettato gli standard di mercato in termini di qualità. -> Ecco il link per l’acquisto:– Cavo Modo 2 / Tipo 2 trifase di Mennekes – Liscio– Cavo Modo 2 / Tipo 2 trifase di Mennekes – Spiralato– Cavo Modo 2 / Tipo 2 monofase di Mennekes – Liscio– Cavo Modo 3 / Tipo 2 Mennekes con presa domestica

Leggi Tutto »
Come ricaricare l'auto elettrica

Come ricaricare l’auto elettrica: Guida ai Cavi di Ricarica, Colonnine, Wallbox

Come ricaricare l’auto elettrica? Se l’hai appena acquistata e vuoi scoprire come si ricarica una vettura senza motore termico, questa è la guida che fa per te! Andremo infatti ad approfondire il mondo delle auto elettriche, spiegando i passi necessari ad approcciarsi in modo pratico e sicuro. “Qual è il miglior cavo di ricarica per l’auto elettrica?“, oppure: “Qual è la colonnina di ricarica da utilizzare?” o ancora “Qual è la migliore Wallbox da installare a casa?”, sono tutte domande lecite, che potrebbero inizialmente sembrare complesse, ma in realtà, tramite i semplici punti che andremo a trattare, scoprirai ben presto che il processo di ricarica dell’auto elettrica non è complicato ed, anzi, è in realtà uno dei suoi punti di forza grazie alla sua versatilità. Cavi di ricarica per auto elettrica Tipo 2: quale scegliere? Scegliere il miglior cavo ricarica per l’ auto elettrica è sicuramente la prima cosa da fare! Non fatevi ingannare da chi sostiene che è la colonnina di ricarica la principale responsabile di una ricarica efficiente, perché non è così. Infatti, quando ci troviamo di fronte alla scelta, dobbiamo tenere conto di numerosi fattori anche considerando che un buon cavo di ricarica, equivale a preservare la batteria dell’auto elettrica nel tempo! Dal 2014 Mennekes, azienda leader nel settore Automotive, ha stabilito lo Standard Europeo con la connessione di Tipo 2 grazie al proprio cavo di ricarica per auto elettriche. Questa casa produttrice, scelta da numerosi produttori top gamma, come Tesla e Porsche, è sicuramente leader nel produrre i migliori cavi ricarica l’per auto elettrica. Mennekes, oltre a rispettare i massimi standard di sicurezza, adopera materiali testati e di alta qualità. Ricarica domestica dell’auto elettrica – Come ricaricare l’auto elettrica a casa? Il cavo Modo 2 è specifico per la ricarica domestica e si collega alla presa tradizionale Schuko (lato abitazione) e connettore Tipo 2 (lato macchina). In questo modo possiamo effettuare una ricarica domestica senza l’ausilio di una Wallbox. Va però precisato che ricaricare l’auto elettrica a casa, vuol dire utilizzare la bassa potenza (3 kW), implicando un aumento del tempo di ricarica. -> Va precisato, però, che le normali prese tradizionali, per la ricarica domestica, potrebbero non supportare i carichi di corrente prolungati che avvengono durante le ricariche. Per ovviare a questa soluzione, è necessario installare una Wallbox, dispositivo predisposto e studiato appositamente per ricaricare l’auto elettrica con tempistiche ridotte. Questi dispositivi sono molteplici e diversi tra loro, con potenze differenti (anche fino a 22 kW) e dispongono generalmente di un cavo incorporato da poter effettuare comodamente il collegamento con l’autovettura. Tuttavia, qualora fosse necessario abbinare un cavo alla propria Wallbox, le opzioni possono essere due:il cavo Modo 3 / Tipo 2 Monofase, oppure il cavo Modo 3 / Tipo 2 Trifase. -> Il cavo trifase funziona sia con Wallbox trifase, che con Wallbox monofase e può essere attaccato anche alle colonnine di ricarica pubbliche. -> Al contrario, il cavo monofase, funziona solamente con Wallbox monofase e non può essere adoperato presso le stazioni pubbliche, che generalmente sono di tipo trifase. Colonnine di ricarica per auto elettriche – Come ricaricare l’auto elettrica alle stazioni pubbliche Adoperare le colonnine di ricarica può essere una soluzione pratica e veloce. Tuttavia, è importante tenere a mente che esistono due tipologie di colonnine e questo influenzerà il modo in cui effettueremo la ricarica dell’auto elettrica. Colonnine in corrente continua (DC) e colonnine in corrente alternata (AC). Per le Colonnine in DC, non avremo bisogno di utilizzare il nostro cavo di ricarica perché già presente nella struttura. In Europa è in vigore lo standard CSS (Combined Charging System) Combo 2, consiste in un unico connettore di ricarica che consente l’ingresso del cavo nel vano predisposto per la ricarica dell’auto elettrica. In questo preciso caso, la potenza erogata dipende dalla capacità della batteria. -> Adoperare le Colonnine in DC è molto semplice: basta inserire il cavo come se stessimo facendo rifornimento ad una macchina a motore termico. Una volta inserito il cavo, non resta che attendere la ricarica completa. Per le Colonnine in AC, invece, bisognerà utilizzare il cavo Modo 3 / Tipo 2 in dotazione alla propria auto, o, in alternativa, il cavo acquistato. Inseriremo il connettore lato colonnina e l’altra estremità nel lato macchina, avviando quindi il processo di ricarica. Quale cavo adoperare per le Colonnine AC? Escludendo le Colonnine DC, per le quali adopererai il cavo in dotazione a queste ultime, vediamo ora qual è il cavo migliore per effettuare la ricarica dell’auto tramite Colonnine AC. Cavo Modo 3 / Tipo 2 MONOFASE: AC 7,4 kW – 32 A Questo cavo può essere adoperato solamente con Colonnine AC monofase. E’ un sistema pensato per le ricariche private, perché la maggior parte delle stazioni di ricarica pubbliche, adopera Colonnine AC trifase, che non sono compatibili con il cavo monofase. Cavo Modo 3 / Tipo 2 TRIFASE: AC 11 kW – 20 A Cavo Modo 3/ Tipo 2 TRIFASE: AC 22 kW – 32 AQuesti due cavi sono da prediligere per ricaricare l’auto elettrica pressoché ovunque: presso qualsiasi stazione di ricarica pubblica e presso aree di ricarica private. Come spiegato precedentemente, infatti, i cavi trifase sono compatibili sia con sistemi trifase, che monofase. -> Ogni cavo ha le sue specifiche, ti raccomandiamo di leggere attentamente la Scheda Tecnica di ogni cavo di ricarica, in modo tale da comprendere quale soddisfa le tue esigenze! È importante conoscere queste differenze perché con le Colonnine di ricarica AC (corrente alternata) è il caricatore dell’auto che comanda, con i suoi kW e la sua qualità! CavoPerfetto.it ti semplifica la scelta e rende l’esperienza d’acquisto semplice: abbiamo trovato la chiave di comunicazione efficace per permetterti di scegliere il cavo giusto in ogni situazione, pre-selezionando per te i migliori cavi tra cui scegliere. Dai un’occhiata alla sezione Shop del nostro sito e alla nostra Guida all’Acquisto.

Leggi Tutto »
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo Shop