Ricarica auto elettrica: cosa serve in dotazione

ricarica auto elettrica

La ricarica dell’auto elettrica è un processo semplice,ma potrebbe sembrare complicato a chi si approccia per la prima volta all’e-mobility. In realtà, schematizzando i concetti principali, è possibile farsi un’idea ben precisa di come funziona. In particolare, si può schematizzare tutto quello che serve in dotazione per vivere al meglio la propria esperienza con la green energy.

ricarica auto elettrica

L’acquisto di un’auto elettrica rappresenta un passo importante verso una mobilità più sostenibile e consapevole. Con una semplice guida ai concetti di base è possibile sfruttare al meglio le potenzialità di questo tipo di veicolo.

Come primo concetto va chiarito che i cavi si suddividono in “Modi”, i quali rappresentano la modalità con cui vengono collegati alla sorgente di ricarica, che può essere: una Wallbox domestica o pubblica, oppure una colonnina (stazione) privata o pubblica.

Invece, per quanto riguarda la tipologia di ingresso nell’auto elettrica, ovvero il connettore che serve a collegare il cavo all’automobile, è importante sapere che lo standard europeo è il Tipo 2. In altre parole, tutti i cavi destinati al mercato delle automobili europee, adotta il Tipo 2. Per questo motivo, a meno che non si debba caricare una vettura particolare, americana o giapponese, il Tipo 2 è quello su cui orientarsi per le automobili prodotte in Europa. Specifichiamo, a scanso di equivoci, che per i veicoli leggeri, ovvero scooter e quadricicli, viene adoperato il Tipo 3A.

Ricarica auto elettrica: la dotazione di base

Una volta assodato che, in Europa si adottano i cavi di Tipo 2 (salvo casi particolari), lo step successivo è quello di valutare le caratteristiche dei diversi “Modi” di ricarica dei cavi.

  • Cavo Modo 3 Trifase: si adopera per connettere l’auto elettrica a tutte le Wallbox pubbliche e domestiche, così come le colonnine di ricarica pubbliche o domestiche. Il cavo sfrutta la corrente alternata (AC) e le performance di ricarica sono ottimizzate. Si può collegare ovunque, anche alle Wallbox monofase.
  • Cavo Modo 3 Monofase: – NECESSARIO SOLO SE SI POSSIEDE WALLBOX DOMESTICA MONOFASE – Alcuni privati scelgono di installare Wallbox monofase. Per tale ragione, per questi guidatori è fondamentale avere a disposizione un cavo monofase. Questo cavo si può adoperare solo ed esclusivamente per la ricarica con Wallbox monofase.
  • Cavo di ricarica Modo 2: viene adoperato per collegare l’auto elettrica alla presa domestica. La spina del cavo è denominata “Schuko”, altresì nota come “tedesca”, e si connette alla classica presa a cilindro che si trova in tutte le abitazioni moderne. La potenza di ricarica è inferiore rispetto al Modo 3, con tempi di ricarica più lunghi.

-> per vedere le immagini delle differenti prese, è possibile visionare la nostra Guida all’Acquisto

Dotazione opzionale, ma altamente consigliata

  • Wallbox [CAVO MODO 3]: per una ricarica domestica più efficiente e veloce, è sempre consigliata. La Wallbox si collega direttamente all’impianto elettrico domestico. Offre potenze di ricarica superiori rispetto alle prese standard, riducendo notevolmente i tempi di ricarica ed ottimizzando i costi. La Wallbox trifase consente una ricarica ottimizzata in termini di tempi e potenza, mentre la Wallbox monofase è meno potente.
  • Adattatore per prese Schuko: [CAVO MODO 2] se si immagina di avere con sé tutto l’occorrente per ricaricare l’automobile ovunque vi sia corrente elettrica, bisogna anche immaginare che possano esserci delle distanze o barriere che impediscano di raggiungere una presa Schuko. Per questo è sempre consigliabile dotarsi di un adattatore. Quest’ultimo, oltre a poter essere acquistato per pochi Euro, può rivelarsi utile in casi d’emergenza.
  • Prolunga elettrica [CAVO MODO 2]: sempre considerando casi di emergenza, ma soprattutto se si è in viaggio, sarebbe opportuno portare con sé una prolunga elettrica insieme all’adattatore per prese Schuko.
  • Adattatore per prese CEE [CAVO MODO 2]: se si viaggia in altri Paesi europei, potrebbe essere necessario un adattatore per le prese di corrente CEE, in modo da poter adoperare il cavo Modo 2, con connettore Schuko, in qualsiasi altro Paese d’Europa.

Ricarica l’auto elettrica con più comodità: dotazione opzionale

  • Borsa per ogni cavo: proteggere i propri cavi è fondamentale per mantenerli durevoli e funzionali.
  • App per lo smartphone: esistono molte dedicate all’individuazione di punti di ricarica pubblici, che forniscono un servizio indubbiamente utile.
  • Tappi per i cavi: i marchi più importanti, come Menneks, forniscono i tappi in dotazione ai loro cavi. Tuttavia, alcuni brand minori potrebbero non includerli. Si tratta di un accessorio molto utile alla protezione del dispositivo, in grado di preservarne la durevolezza.

-> Ecco il link per l’acquisto:
Cavo Modo 2 / Tipo 2 trifase di MennekesLiscio
Cavo Modo 2 / Tipo 2 trifase di MennekesSpiralato
Cavo Modo 3 / Tipo 2 Mennekes con presa domestica

CONTENUTI RECENTI
ARCHIVIO
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo Shop