Come ricaricare la Tesla a casa: tutte le opzioni

come ricaricare la tesla a casa

Come ricaricare la Tesla a casa? E’ possibile trarre vantaggi dalla ricarica domestica della Tesla? Questa breve e semplice guida intende schematizzare tutti i concetti, per semplificarli al massimo e fornire le informazioni necessarie in modo pratico.

Ricaricare la tesla a casa: ecco cosa sapere

  • Esistono diversi cavi ricarica in commercio, perciò va subito chiarito che il cavo per la Tesla è definito Tipo 2

    Questo tipo di cavo è, generalmente, lo standard per le auto elettriche Europee. Con Tipo 2 si definisce il connettore d’ingresso del cavo dal lato del veicolo.
  • Il cavo fornito in dotazione all’acquisto della Tesla è un cavo Modo 3 / Tipo 2 trifase.

    Con Modo 3 si definisce il connettore del cavo alla sorgente di ricarica. Il Modo 3 si adopera per collegare il cavo ricarica alle Wallbox ed alle colonnine di ricarica.

    La specifica trifase sta a indicare la potenza del cavo, che in questo caso è max. 32A. Il cavo trifase può essere adoperato sia con colonnine di ricarica e Wallbox monofase, che con colonnine di ricarica e Wallbox trifase.

    Questo cavo è il più versatile, perché agganciabile anche alle colonnine delle stazioni di ricarica pubbliche in tutta Europa.

  • Il produttore del cavo ricarica Tesla è Mennekes.

    La multinazionale tedesca, che ha dettato le regole nel mercato dei cavi ricarica, non solo produce il cavo Tesla, ma mette a disposizione anche altri tipi di cavi, che possono rivelarsi utili a rispondere alle varie esigenze di ricarica dei proprietari delle auto elettriche.

Ecco come ricaricare la Tesla a casa con i cavi giusti

  • Si può adoperare il Cavo Modo 3 / Tipo 2 trifase collegandolo a una Wallbox redienziale o colonnina di ricarica domestica e l’impianto elettrico può essere sia trifase, che monofase.

    Questo cavo si può trovare sia in versione liscia, che spiralata. Il cavo Modo 3 spiralato garantisce una maggiore flessibilità. Inoltre, la sua forma a spirale permette di evitare il contatto con il suolo, garantendo pulizia, durevolezza e comodità.

  • Si può adoperare il Cavo Modo 3 / Tipo 2 monofase, collegandolo a una Wallbox monofase, oppure a una colonnina domestica monofase. Questo cavo non è adoperabile con impianti trifase.

  • Si può adoperare il Cavo Modo 2 / Tipo 2, che si collega alla presa domestica tradizionale tramite spina Schuko.
Presa per spina Schuko
Presa per spina Schuko

E’ meglio la ricarica domestica o presso le stazioni pubbliche?

Non ci sono dubbi sulla risposta di questa domanda: ricaricare l’auto elettrica a casa non è solamente comodo, ma alla lunga porta a numerosi vantaggi. Infatti, la ricarica domestica, essendo più lenta di quella super-veloce delle colonnine di ricarica pubbliche, permette di preservare la batteria della Tesla.

Ove possibile, sarebbe opportuno evitare anche i Supercharger Tesla, optando per la ricarica domestica. Il proprietario Tesla più attento, riserverà le ricariche pubbliche veloci per soli momenti di necessità e per quando si mette in viaggio verso lunghe destinazioni.

Chiaramente, per ottimizzare tempi e costi di ricarica della ricarica domestica, la soluzione ideale è quella di installare una Wallbox, oppure una colonnina di ricarica residenziale. Come indicato nella sezione precedente di questa guida, i cavi possono essere sia quello Modo 3 / Tipo 2 trifase, che quello Modo 3 / tipo 2 monofase. Quello che conta, per allungare la vita della Tesla e della sua batteria, è adoperare un cavo ricarica sicuro e di qualità, pertanto si consiglia di scegliere tra i cavi proposti dal produttore dei cavi Tesla (Mennekes), che sono anche disponibili nel nostro Shop.

E’ altresì possibile considerare l’installazione di un impianto fotovoltaico che possa alimentare la sorgente di ricarica. Oltre ad essere una soluzione green, é il segreto per risparmiare sui costi di ricarica dell’auto elettrica.

Vi sono anche altri accorgimenti che possono essere adottati per non rovinare la batteria della Tesla e sono indicati nella guida: Preservare la batteria dell’auto elettrica: così eviti di rovinarla!

CONTENUTI RECENTI
ARCHIVIO
0
    0
    Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo Shop